Blog‎ > ‎

Quanti elettroni ci vogliono per caricare un telefonino?

pubblicato 1 giu 2018, 01:02 da Franco Bagnoli
La capacità della batteria di un telefonino si misura in mAh, ovvero milliampere-ora, che ci dice per quanto tempo il telefonino può erogare una certa corrente (che si misura in ampere).
L'unità di misura usata è il milliampere, ovvero il millesimo di ampere perché i primi cellulari avevano batterie con una capacità minore di un ampere-ora e non si volevano usare i numeri decimali. Le batterie di oggi hanno capacità da 1000 mAh in su, si può parlare quindi di ampere-ora. 
L'intensità di una corrente è data da quanti elettroni passano nell'unità di tempo (il secondo), e ogni elettrone porta la carica di 1,6 * 10-19 C, dove la C sta per coulomb ed è l'unità di carica. 
Un coulomb corrisponde a un ampere per un secondo, quindi un ampere-ora corrisponde a 3600 C. Quindi, considerando una batteria da 1000 mAh, ovvero piuttosto piccola, abbiamo che la sua carica completa richiede 3600 * 1019/1,6 = 2,25*1022 elettroni. Per numero così grandi conviene usare la notazione esponenziale, perché dire che ci vogliono 22.500 miliardi di miliardi di elettroni non è certo più chiaro...
Comments